DIRADAMENTO E STEMPIATURA DEI CAPELLI
20/12/2016
PERDITA CAPELLI- EFFLUVIO TELOGEN
20/12/2016

CADUTA DEI CAPELLI DI STAGIONE

A molti sarà capitato di osservare  che nel periodo primaverile e in quello autunnale vi è un incremento sostanzioso del numero di capelli che cadono. La caduta dei capelli stagionale sembra essere, secondo molti studi effettuati a tal proposito un fenomeni riconducibile al normale ciclo  di rigenerazione del capello, che dura all’incirca 6-7 anni e che si ripete una ventina di volte  nell’arco della vita di un soggetto.
Il motivo da attribuire a questo genere di caduta o perdita di capelli non è ancora stato chiarito, anche se molti esperti e studiosi lo collegano al naturale effetto della muta nei mammiferi , mentre altri lo accostano al tipo di vita che la società moderna impone con i suoi ritmi e stress che possono  accelerare  la perdita dei capelli per poi tornare ad un ritmo di caduta dei capelli del tutto naturale nei periodi più rilassati e sereni.

Ciò nonostante la caduta dei capelli, come più volte citato, ha sui soggetti che ne sono afflitti  un effetto psicologico da non sottovalutare, infatti molte persone  ai primi sintomi di una più massiccia perdita di capelli si rivolgono  a centri specializzati per capirne  le cause e verificare se si tratti di una caduta di capelli patologica o solo di perdita di capelli temporanea o stagionale.

In quest’ultimo  caso non c’è nulla di che allarmarsi, infatti a cadere sono i capelli in quella fase che viene chiamata telogen effluvio stagionale, cioè la quei capelli che sono alla fine del loro ciclo esistenziale.

Ci sono altresì casi in cui la normale caduta di capelli stagionale può mascherare un reale problema  di diradamento dei capelli, può accadere  che in soggetti che sono predisposti alla calvizie e all'alopecia, un periodo particolarmente stressante possa rendere  difficile rilevare  tale problema confondendolo con un semplice fenomeno di perdita di capelli stagionale.

In questi casi  è molto importante valutare se ci sono sintomi concomitanti alla caduta dei capelli,
quali prurito alla testa o sensazioni di dolore del cuoio capelluto, sintomi che sono chiare manifestazione di problematiche più gravi e radicali che necessitano di approfondimenti e trattamenti tricologici prima che la situazione degeneri diventando più difficile da affrontare.

In  queste circostanze se si hanno dei dubbi è sempre  consigliato rivolgersi a un centro tricologico specializzato  che  saprà valutare dopo un esame del capello se si tratti di una patologia del capello come alopecia o semplice perdita di capelli stagionale, e valutarne i trattamenti più adatti.